Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Termina come all’andata Boreale – CreCas, con i romani che si impongono all’inglese sui sabini: per la squadra di Liberti punti salvezza importanti, per quella di Corsi arriva la quarta sconfitta consecutiva.

BOREALE - CRECAS CITTÀ DI PALOMBARA 2 : 0

MARCATORI Cardella rig. 18’ pt, Gonnella 19’ st (B)

BOREALE Sinibaldi, Fogli, Gonnella, Pagnottelli, Somma, Guidi, Bartolucci, Corrias (11’ st Leonardi), Rossi, Di Gennaro (27’ st Russo), Cardella (38’ st De Francesco) PANCHINA Tassi, Guerra, Pagni, Centrela ALLENATORE Liberti

CRECAS CITTÀ DI PALOMBARA De Angelis, Cupelli, Dovidio, Hrustic (27’ st Copponi), Passiatore, Palmieri, Mortaroli, Luttazi (19’ st Tozzi), Uccellini, Palomba, Panella PANCHINA Vicolini, Silvestri, Suladze, Petroccia, Rulli ALLENATORE Corsi

ARBITRO Pacella di Roma 2

ASSISTENTI Gozzi di Ciampino e Civilini di Tivoli

NOTE Ammoniti Palmieri, Palomba. Ang. 2 – 4. Rec. 0’ pt, 3’ st.

CRONACA DELLA PARTITA

I viola spaventano fin dai primi minuti e all’8’ Guidi prende male la mira non sfruttando il corner di Di Gennaro, mentre al 12’ Di Gennaro spreca una grandissima opportunità a pochi metri da De Angelis.

Sono solo prove generali, perché, 8’ dopo, Cupelli scivola a centrocampo e ne approfitta Rossi per lanciare sulla fascia Cadella, che entra in area e crossa, trovando il tocco di mano di Passiatore: Pacella di Roma 2 non ha dubbi e assegna il calcio di rigore in favore dei locali. Dal dischetto parte proprio Cardella, che spiazza l’estremo difensore rossoblù e sigla la rete del vantaggio.

Il CreCas va vicinissimo al pareggio al 20’, quando Mortaroli calcia una punizione dai 25 m e con un destro a giro colpisce clamorosamente il palo.

Al 42’, a parti invertite, a provarci da calcio piazzato è Cardella, che trova l’opposizione di De Angelis.

Il capitano viola non fallisce però al 19’ della ripresa, quando dai 22 m infila in rete per il raddoppio.

A niente servono i timidi tentativi degli ospiti, ormai spenti e demotivati. Al triplice fischio, esulta sola la Boreale.