Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Al Futbol Campus occasione sprecata per il CreCas, che si fa rimontare da un Atletico Vescovio mai domo: la squadra di Pansa conquista tre preziosi punti salvezza.

ATLETICO VESCOVIO - CRECAS CITTÀ DI PALOMBARA 3 - 2

MARCATORI De Cesaris 31’ pt (AV), Gallaccio rig. 46’ pt, rig. 16’ st (C), Scorta 36’ st, De Vincenzi 38’ st (AV)

ATLETICO VESCOVIO Rossi, Lorenzini, Maestrelli (27’ st Scorta), Madonna, Dalla Palma, Sconciaforni (40’ pt Innocenti), Sandulli (27’ st Scorta), Zoppis, De Cesaris, Giordano, De Vincenzi PANCHINA Ulissi, Bornigia, Privitera, Barbarella ALLENATORE Pansa

CRECAS CITTÀ DI PALOMBARA Vicolini, Cupelli, Suladze, Hrustic, Passiatore, Palmieri (35’ st Silvestri), Mortaroli, Luttazi (11’ st Tozzi, 31’ st Petrocchi), Gallaccio, Copponi, Panella PANCHINA De Angelis, Palomba, Petroccia, Lupi ALLENATORE Corsi

ARBITRO Giudice di Frosinone

ASSISTENTI Laudando di Aprilia e Jorgji di Albano Laziale

NOTE Ammoniti Sandulli, Zoppis, Suladze, Mortaroli, Copponi. Ang. 2 – 7. Rec. 2’ pt, 3’ st.

CRONACA DELLA PARTITA

I padroni di casa sono pericolosi nell’immediato con De Cesaris che tira da distanza ravvicinata trovando la risposta pronta di Vicolini, mentre subito dopo Zoppis prova da fuori area lambendo il palo.

All’8, dalla parte opposta del campo, Mortaroli crossa sul primo palo e Gallaccio incorna: palla che esce di un nonnulla.

Vicolini, oggi sostituto di De Angelis, sventa un pericolo anche al 21’, quando un’azione tutta nello stretto dei locali si conclude con il tentativo di Giordano. 10’ più tardi lo stesso calcia il corner verso il primo palo, dove spizza De Cesaris, che insacca per il vantaggio.

La risposta degli ospiti al 35’, con il colpo di testa di Passiatore sull’angolo di Mortaroli: fuori.

Al 42’ il Vescovio conquista un calcio di punizione al limite, di cui si incarica De Vincenzi, che con un destro a giro sfiora l’incrocio, mentre al 44’ è Giordano a lambire il palo sempre da calcio piazzato.

Sul capovolgimento di fronte Copponi lascia partire la botta dai 25 m e Zoppis, a parere del direttore di gara, tocca in area con una mano: calcio di rigore in favore dei rossoblù. Sul dischetto si presenta Gallaccio: palo e gol del pareggio.

L’attaccante sabino può ripetersi al 16’ della ripresa, quando, su assist di Cupelli, viene atterrato in area da Dalla Palma, conquistando il secondo penalty. Dagli undici metri realizza di nuovo Gallaccio con un rigore fotocopia del primo.

Gallaccio può chiedere i conti al 22’, ma stampa sulla traversa e al 36’ sono i biancorossi ad andare in gol: Giordano, su punizione, mette un cross morbido per la testa di Scorta, che indirizza alle spalle di Vicolini. L’estremo difensore ospite non può niente 2’ più tardi, quando De Vincenzi lo supera con un pallonetto che sigilla la vittoria.