Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

In virtù dell’affiliazione con l’A.S. Roma, ieri, per la prima volta al “Giovanni Torlonia” di Palombara Sabina, i tecnici e i ragazzi della Scuola Calcio CreCas hanno ricevuto la visita del Responsabile delle Affiliazioni Bruno Banal e del tecnico Francesco Viglietta. Durante le regolari attività del Settore di Base, lo staff giallorosso ha osservato attentamente gli allenamenti pomeridiani di tutti i gruppi rossoblù in uno dei tre incontri annuali che li porterà ancora sul campo di Palombara e che si inserisce nel progetto più ampio del Settore Giovanile della società capitolina, guidato dal Responsabile Massimo Tarantino.

La Roma ha nel territorio laziale 38 società affiliate nelle quali promuoviamo l’attività di base sia sotto l’aspetto didattico per i tecnici, sia curando il rapporto con il territorio e con i ragazzi con la programmazione di attività: organizziamo stage per gli allenatori e diversi tornei per i tesserati nell’arco di tutta la stagione sportiva”, ha raccontato Bruno Banal.

Ogni qualvolta andiamo sul campo ci facciamo spiegare qual è la programmazione giornaliera e mensile che i tecnici adottano in allenamento. A tutte le società poi diamo diversi spunti negli incontri che si svolgono esclusivamente con i mister, fissando degli obiettivi di partenza”, ha aggiunto Viglietta. “Ognuno di loro mette la propria esperienza nel lavoro che svolge e noi sul campo osserviamo ciò che fanno, ascoltiamo ciò che dicono: la cosa fondamentale da rispettare è il linguaggio, poi capiamo se ciò che viene proposto può essere migliorato”.

Il pomeriggio si è infatti concluso con un confronto più che positivo tra i tecnici CreCas, il nuovo referente dell’affiliazione Dario Scoccini e i Responsabili della A.S. Roma, che hanno apprezzato l’accoglienza, nonché quanto osservato del lavoro svolto sul campo.  Preziosi i consigli ricevuti, tramite i quali la società rossoblù vuole crescere per dare a Palombara Sabina la Scuola Calcio che merita.